Agricoltura

Il comparto agricolo rappresenta una significativa voce dell’intera economia abruzzese.

Tralasciando le colture proprie della costa deve evidenziarsi per il settore specifico l’importanza straordinaria della piana del Fucino, con i Piani Palentini e la Valle Roveto.

Nella programmazione dei fondi europei 2014-2020, l’Abruzzo ha a disposizione circa 600 milioni di euro: ad oggi ne sono stati impiegati una quantità irrisoria, tanto che la classifica delle regioni italiane divise per percentuali di impiego ci vede al penultimo posto, facendo meglio solo della Sicilia.

Conseguentemente, le opportunità di incentivare in modo adeguato ed efficace il settore sono enormi.
Si dovrà pero agire secondo due strategie specifiche:

  • In termini di merito vanno affrontati i problemi più gravi che colpiscono il settore. In particolare, a fronte dell’esempio più che positivo rappresentato dalle recenti storie di successo di alcune imprese private che hanno saputo ottenere rilevanti successi in termini di sviluppo, si assiste ad una ancora eccessiva polverizzazione delle imprese con scarsa capacità di fare rete.
    Ciò si traduce in una debolezza del sistema, in una inefficacia delle strategie di comunicazione e di organizzazione della rete commerciale a valle della produzione, con evidente vantaggio per le produzioni di altre aree agricole del Paese che invece sono organizzate in modo più efficace.
  • Le strategie politiche, con l’ineludibile utilizzo dei quasi 600 milioni di euro europei, devono mirare ad incentivare l’aggregazione e il miglioramento infrastrutturale (in primis l’impiego del centro smistamento merci della Marsica e l’efficientamento del sistema di irrigazione del fucino).
    In termini di metodo, è necessario sburocratizzare e rendere efficiente la macchina deputata alla gestione dei fondi europei. Oggi, in altre regioni italiane, esistono addirittura casi in cui le domande di finanziamento vengono presentate direttamente on-line con la concessione del finanziamento richiesto in poche ore sempre attraverso la rete e senza l’intervento del funzionario ragionale.

In Abruzzo siamo ancora alla necessità di presentare il proprio progetto di finanziamento in quadruplice copia cartacea conforme all’originale.

L’utilizzo dei fondi europei dovrà altresì incentivare il settore del turismo legato all’agricoltura, cercando di intervenire in un settore in larga espansione in diverse zone del Paese.

Copyright © 2018 Antonio Morgante. All Rights Reserved.